Palazzina Uffici - Auditorium e Palestra
Convegno Scuole Aperte 2007/08
Complesso Rodari
Scuola dell'Infanzia Piazza dei Poeti 2
Scuola dell'Infanzia Piazza dei Poeti 1
Direzione e Scuola Primaria Rodari
Benvenuto
Scuola dell'Infanzia c/o Complesso Rodari

Benvenuti nel nostro nuovo sito web istituzionale 

Questo sito offre all'utenza esterna tutti i servizi previsti dalla normativa vigente: gli adempimenti amministrativi sono infatti facilmente consultabili dalla gestione prevista dai regolamenti in materia. Ulteriori servizi come integrazione ai social network, aree tematiche, aree riservate e servizi tipici del web 2.0 sono già presenti o in corso di realizzazione. La visualizzazione di tale sito è possibile anche da dispositivo mobile (tablet, smartphone). Buona navigazione a tutti!     
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

INFORMATIVA AGLI ALUNNI E AI LORO FAMILIARI
“CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI”.

Gentile alunna/o, Gentili genitori,
il Decreto Legislativo n. 196 del 2003 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” prescrive l’osservanza rigorosa di regole mirate alla protezione di tutti i dati personali, sia nella fase di raccolta di documenti e informazioni, sia durante l’attività amministrativa e istituzionale.
Vi invitiamo, pertanto, a leggere con attenzione la presente informativa, prescritta dall’art. 13 del precitato D. Lgs. 196/2003.

OBBLIGATORIETÀ DEL CONFERIMENTO DEI DATI
Strettamente necessari all’esercizio delle funzioni istituzionali: nome e cognome dell’alunno, data e luogo di nascita, indirizzo e numero telefonico, titolo di studio, attestati di esito scolastico e altri documenti e dati relativi alla carriera scolastica, foto ed eventuale certificato d’identità, certificati medici o altre dichiarazioni per la riammissione a scuola in caso di assenza, e, in determinati casi, certificazione di vaccinazione; per le finalità di costituzione degli Organi Collegiali della scuola, ai diversi livelli, locali, provinciali e nazionali, notizie sulla composizione familiare, nome dei genitori o di chi esercita la patria potestà, data e luogo di nascita, indirizzo e telefono se diversi da quelli dell’alunno.
Eventuali dati facoltativi da fornire: per taluni procedimenti amministrativi attivabili soltanto su domanda individuale (ottenimento di particolari servizi, prestazioni, benefici, esenzioni, certificazioni, ecc.) può essere indispensabile il conferimento di ulteriori dati, altrimenti la finalità richiesta non sarebbe raggiungibile. In tali casi verrà fornita un’integrazione verbale della presente informativa.
MODALITÀ DI ACQUISIZIONE E DI TRATTAMENTO DEI DATI
I dati personali dell’alunno e dei familiari vengono acquisiti direttamente dagli interessati o dalla scuola di provenienza.
Il trattamento riguarderà unicamente le finalità istituzionali della scuola (quelle di natura didattica, formativa, organizzativa, amministrativa, nonché quelle richieste per i procedimenti amministrativi facoltativi rientranti tra i compiti della scuola), così come sono definite dalle normativa statale e/o regionale.
A garanzia dei diritti dell’Interessato, il trattamento dei dati è svolto secondo le modalità e le cautele previste dal predetto Decreto Legislativo, rispettando i presupposti di legittimità, seguendo principi di correttezza, di trasparenza, di tutela della dignità e della riservatezza dell’alunna/o e dei suoi familiari. Il trattamento è svolto, in una prima fase ed in prevalenza, in forma cartacea, ma anche mediante strumenti informatici e telematici; alcune attività didattiche prevedono l’uso di apparecchiature fotografiche e di videoripresa; prevede come fasi principali: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, comunicazione, diffusione e la cancellazione quando i dati cessino di essere necessari.
COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
I soggetti a cui i dati personali potranno essere comunicati nell’ambito della scuola sono: il Dirigente Scolastico, il Responsabile del trattamento, gli Incaricati del trattamento amministrativo (che, di fatto, corrispondono agli operatori dell’Ufficio di Segreteria), i docenti e assimilati interessati (esclusivamente per i dati necessari alle attività didattiche, di valutazione, integrative e istituzionali). Inoltre, i dati relativi al personale scolastico in genere e ai componenti degli Organi Collegiali, limitatamente ai dati strettamente necessari alla loro attività, potranno essere comunicati anche alle organizzazioni sindacali (RSU ed esterne), esperti e consulenti, (nell’ambito delle attività contenutenel POF, in quelle deliberate dal Consiglio di Circolo o in quelle direttamente assegnate dal Dirigente).
I dati personali potranno essere comunicati ad altri enti pubblici o a privati esclusivamente nei casi previsti da leggi, regolamenti e convenzioni (in particolare, altre strutture del sistema dell’Istruzione o Statali, Enti Locali, Inps, Inpdap, Inail, Azienda Sanitaria pubblica competente, Società di Assicurazione per polizza infortuni; i soli dati anagrafici potranno essere conferiti a società di trasporto, a strutture pubbliche e private mèta di visite guidate e viaggi di istruzione, ecc.). Il materiale fotografico, le videoriprese e le riproduzioni multimediali in genere, sono realizzate a scopi didattici, i lavori realizzati saranno diffusi all’interno della scuola, e in casi particolari, all’esterno, in occasione di mostre, convegni, seminari, concorsi e altre occasioni aventi scopi in linea con le attività istituzionali promosse dalla scuola, o diffuse attraverso il sito web della scuola, a solo titolo di socializzazione di iniziative che le immagini, le registrazioni, videoriprese stesse riproducono. Potranno essere diffusi esclusivamente i dati previsti dalla normativa e rigorosamente nei casi ivi indicati. I dati idonei a rivelare lo stato di salute non potranno essere diffusi.
TITOLARE DEL TRATTAMENTO DEI DATI
Titolare del trattamento dei dati è la scuola stessa, che ha personalità giuridica autonoma ed è legalmente rappresentata dal Dirigente Scolastico pro-tempore.
Responsabile del trattamento è il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi pro-tempore per i trattamenti relativi ad alunni, dipendenti, collaboratori esterni e fornitori, affari generali e protocollo.
Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”)
Diritti dell’Interessato
- L’interessato potrà esercitare i suoi diritti, nei confronti del titolare del trattamento e del responsabile del trattamento, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. 196/03, che, di seguito, si riporta:
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato i sensi dell’art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
c) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
d) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
e) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
c) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
d) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
APPENDICE RELATIVA AI DATI PERSONALI “SENSIBILI O GIUDIZIARI” PIÙ RICORRENTI
Dati personali qualificati dal Decreto Legislativo 196/203 come “sensibili”: quei dati personali che sono “idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale”. Dati giudiziari: quei dati personali idonei a rivelare procedimenti o provvedimenti di natura giudiziaria. L’acquisizione e il trattamento di questi due tipi di dati avverranno solo se previsti da espressa disposizione di legge, con riconoscimento delle finalità di rilevante interesse pubblico perseguite o se indicati nelle Autorizzazioni Generali del Garante per la protezione dei dati. Inoltre, l’Interessato riceverà le ulteriori precisazioni previste dall’art. 22 di tale Codice, cioè l’indicazione della normativa che prevede gli obblighi o i compiti in base alla quale è effettuato il trattamento di tali dati. Tale normativa è riportata nelle prossime righe relativamente alle casistiche più frequenti.

NORME SULLA BASE DELLE QUALI SONO RICHIESTI DATI SENSIBILI O GIUDIZIARI
A1. R.D. 653/25, D.Lgs 29/93, D.Lgs 297/94, D.P.R. 275/99, L. 104/92, L.53/03, D.I. 44/01 , D.P.R. 347/00, D.Lgs 165/01, D.P.R. 352/01, D.P.R. 319/03, D.Lgs 196/03 art. 9596, 64, 65, 68, 72,73, 112 (finalità di rilevante interesse pubblico di certi trattamenti),
DATI IDONEI A RIVELARE LO STATO DI SALUTE DELL’ALUNNO O DI FAMILIARI
A2. Riammissione a scuola dopo assenza (Certificati medici e dichiarazioni sullo stato di salute o su motivi familiari di natura sensibile ): R.D. 653/1925 art. 16 e 17; Ammissione ad esami suppletivi per assenza o impedimento: O.M. 21/04 art. 18 e O.M. di ciascun anno su esami
A3. Gestione di infortuni avvenuti in connessione con la scuola: D.Lgs 626/1994 art.4,c5,lettera o (registro infortuni) , D.P.R. 1124/65 art.4, 52 (obbligo di segnalazione al Dirigente), art. 53 (denuncia a Inail), art.54 (denuncia a PS) e altri, D.Lgs 38/00, D.P.R. 275/99 art. 14 (avvocatura dello stato), L. 20/94, D.Lgs 286/99 (danno erariale), C.M. 10 luglio 1998, n. 305, C.M. 21 marzo 2000, n. 83
A4. Esonero da Educazione Fisica (Certificati medici e dichiarazioni sullo stato di salute): D.Lgs 297/94 art. 303
A5. Handicap, Patologie croniche, o simili: Integrazione alunni disabili: L. 104/2, D.P.R. 24.02.1994, L. 449/97, L. 333/01, L. 289/02, DM 141/99; Certificazione delle competenze acquisite da alunno con handicap: D.P.R. 323/98; Forme di sostegno scolastico e di integrazione :L. 69/00, D.Lgs 297/94 art. 312
325; Esonero tasse scolastiche per figli di mutilati e invalidi per servizio, ecc.: L. 645/54 e T.U. 297/94 art. 200; Esibizione dichiarazione redditi da cui risultino detrazioni o deduzioni fiscali legate a motivi di salute: D.P.R. 600/73, D.P.R. 917/86, D.Lgs 31/97, D.Lgs 360/98, L. 448/99, D.Lgs 56/00, L. 388/00, L.289/02, L. 350/03, D.Lgs .M. 18 maggio 2001
A6. Medicina scolastica: L. 833/78 art. 1, 2 ,11 , 14; Verifica vaccinazione (certificazioni e dichiarazioni): D.Lgs 297/94 art. 117, D.P.R. 355/99 , D.P.R. 1518/67 art. 47
A7. Gestione di mense scolastiche, in relazione a diete particolari per motivi di salute: D.Lgs 196/03 art. 73 (finalità di rilevante interesse pubblico di questo trattamento) e normativa generale
DATI IDONEI A RIVELARE PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI
A8. Particolare status familiare dell’alunno: L. 184/83, L. 40/98 art. 16, C.P. art. 34, L. 216/91, L. 149/01, D.Lgs 196/03 art. 73 (finalità di rilevante interesse pubblico di questo trattamento)
DATI IDONEI A RIVELARE ORIENTAMENTO RELIGIOSO
A9. Scelta di avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica ( Art. 9 dell’Accordo, tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede, ratificato con L. 121/85), D.P.R. 751/85
A10. Diritto a festività di altre religioni : D.Lgs 297/94, L. 101/89 art.4, L.516/88 art. 17
A11. Gestione di mense scolastiche, in relazione a diete particolari per motivi religiosi D.Lgs 196/03 art. 73 .(finalità di rilevante interesse pubblico di questo trattamento)

DATI IDONEI A RIVELARE APPARTENENZE RAZZIALI OD ETNICHE
A12. Iniziative in relazione ad alunni appartenenti a comunità nomadi : D.Lgs 196/03 art. 73 .(finalità di rilevante interesse pubblico di questo trattamento), Nota 24 febbraio 1982 (Convenzione tra P.I. e Opera Nomadi)
A13. Certificazioni o dichiarazioni da cui emergano l’appartenenza a una determinata razza o etnia: L. 482/89 art.1, 20, L. 40/98 art.36, D.Lgs 286/98, L. 189/02, D.P.R. 394/99 art. 45 e 49, D.Lgs 297/94 art. 116, D.P.R. 722/82

DATI IDONEI A RIVELARE ORIENTAMENTI FILOSOFICI O RELIGIOSI
A14. Registrazione dei libri della biblioteca prestati, potenzialmente idonei a rivelare le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere: R.D. 965/24 art. 129 e 130, T.U. 297/94 art. 10.

Per maggiori informazioni:

 "La Privacy a scuola - Vademecum" , opuscolo informativo a cura del  Garante per la Protezione dei Dati Personali

Scarica anche il  Decreto Ministero della Pubblica Istruzione  7 dicembre 2006, n. 305 recante il  Regolamento recante identificazione dei dati sensibili e giudiziari trattati e delle relative operazioni effettuate dal Ministero della pubblica istruzione, in attuazione degli articoli 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante «Codice in materia di protezione dei dati personali». (Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15/1/2007) Testo in vigore dal: 30-1-2007

Riceviamo e, volentieri, pubblichiamo il componimento del bambino Aldo Ciaramella, alunno della classe IV sez. D della Scuola Primaria Gianni Rodari. Il tema trattato è "Vorrei, potendo, avere una bacchetta magica...". Per farne che cosa? Che domanda...!? Un bambino, con una bacchetta magica, riempirebbe, fino a sommergerla, la propria cameretta di giocattoli di ogni sorta; forse proverebbe a farsi fare i compiti di scuola (comodo, no?!); oppure chiederebbe alla bacchetta magica di farlo volare come gli eroi dei cartoni animati... Niente di tutto questo.... L'autore di questo componimento, in quello che ha scritto, rivela una animo buono e gentile, vòlto alla solidarietà verso chi è meno fortunato, caratteristiche, queste, comuni  -grazie a Dio-  alla stragrande maggioranza dei bambini, i quali -è risaputo-  ricorrono al gioco. Il bambino che gioca, infatti, domina, trasforma la realtà e la piega al suo volere.  Ebbene, l'autore del lavoro che presentiamo, esprime il desiderio di "...vedere bene la realtà, perché a noi bambini ci fanno sempre credere che il mondo è giocattoli, giochi e felicità ma non è così (...)". Diventare un mago, "giocare simbolicamente", anzi, esprimere il desiderio di giocare con un  bacchetta magica serve al piccolo Aldo per trasformare la reatà e piegarla al suo volere, ma per fini di solidarietà e amore verso gli altri. Veramente lodevole. Peraltro, è utile, qui, ricordare che, come sostiene Piaget, il gioco costituisce "l'abitudine più spontanea del pensiero infantile"  nonché la forma più naturale e spontanea di socializzazione.

Il nostro bambino ha, dunque, scelto di giocare, sì, con la bacchetta magica, ma per regalare sorrisi a chi è triste e per eliminare tutte le malattie...Sembra di ascoltare un famoso brano della cantante italiana di successo, Laura Pausini,  "Il mondo che vorrei", appunto, che abbiamo preso in prestito per il titolo di questo articolo. Leggiamo, allora il componimento...

Questo articolo è ottimizzato per i browser Mozilla Firefox e Google Chrome.  Internet Explorer non supporta  tutte le funzioni di Google Docs.

files/tk680/VORREI.pdf

Riportiamo, qui di seguito, i documenti relativi al calendario scolastico nazionale, a quello regionale (scuole della Regione Campania) e delle altre Regioni italiane e, infine,   l’adattamento alle specifiche esigenze locali deliberato dal Consiglio di Circolo nell’adunanza del 13 settembre 2013.
 
Il calendario delle festività e della sospensione delle attività didattiche, è il seguente:
CALENDARIO SCOLASTICO NAZIONALE   (O. M. N° 696 del 08 agosto 2013)
tutte le domeniche;
il 1° novembre, festa di tutti i Santi;
l'8 dicembre, Immacolata Concezione;
il 25 dicembre, Natale;
il 26 dicembre;
il 1° gennaio, Capodanno;
il 6 gennaio, Epifania;
il giorno di lunedì dopo Pasqua;
il 25 aprile, Anniversario della Liberazione;
il 1° maggio, festa del Lavoro;
il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;
la festa del Santo Patrono, Giovedì 16 gennaio 2014
 
CALENDARIO SCOLASTICO REGIONALE  (Delibera della Giunta Regionale Campania n. 183 del 18/06/2013)
Inizio delle lezioni: lunedì 16 Settembre 2013
Termine delle lezioni:  sabato 07 Giugno 2014 Per la scuola dell'infanzia il termine delle attività educative è fissato al 30/06/2014.
dal  23 al 31 dicembre 2013 e dal 2 al 5 gennaio 2014, vacanze natalizie;
dal  17 al 22 aprile 2014, vacanze pasquali;
Sospensione delle attività didattiche:
sabato 02 novembre 2013, commemorazione dei  defunti;
martedì 04 marzo 2014, ultimo giorno di carnevale;
il giorno 19 marzo - dichiarato “festa della legalità” in ricordo dell’uccisione di don Peppino Diana - come giornata dell’impegno e della memoria, nel corso della quale le istituzioni scolastiche sono invitate a programmare, nell’ambito della propria autonomia, iniziative specifiche, in sintonia con quanto la Regione prevede di realizzare.

ADATTAMENTO DEL CALENDARIO SCOLASTICO (Delib. CdC del 13/09/2013)

SCUOLA DELL’INFANZIA

 

DATA

EVENTO

DEFINITO DA

Giovedì 31/10/2013

Sospensione delle attività educative

Consiglio di Circolo

Sabato 02/11/2013

Sospensione delle attività educative

Regione Campania

Martedì 04/03/2014

Sospensione delle attività educative

Regione Campania

Venerdì 02/05/2014

Sospensione delle attività educative

Consiglio di Circolo

Venerdì 30/05/2014

Sospensione delle attività educative

Consiglio di Circolo

 

SCUOLA PRIMARIA

 

 DATA

EVENTO

DEFINITO DA

Sabato 02/11/2013

Sospensione delle attività educative

Regione Campania

Martedì 04/03/2014

Sospensione delle attività educative

Regione Campania

Sabato 26/04/2014

Sospensione delle attività didattiche

Consiglio di Circolo

Venerdì 02 e                 Sabato 03/05/2014

Sospensione delle attività didattiche

Consiglio di Circolo

 

   L’anno scolastico è ripartito in due quadrimestri (31 gennaio: termine 1° quadrimestre)

 

   Gli adattamenti del calendario scolastico sono esercitabili nell’ambito dell’autonomia delle istituzioni scolastiche così come regolamentate dal DPR n. 275 del 1999, nel  rispetto, comunque, del disposto dell’art. 74, comma 3. del D. Lgs. n. 297 del 1994.

 

Presentiamo, di seguito, i lavori che gli alunni delle classi quinte hanno realizzato in occasione della partecipazione alla  manifestazione Pro-Telethon, svoltasi il 16 dicembre 2010 nella tensostruttura comunale di Via Gallinelle.
 L'evento, organizzato dall'Associazione locale "Non solo danza", ha privilegiato il tema "Ambiente e Solidarietà". Gli alunni  della scuola primaria "Rodari", plesso unico del nostro Circolo Didattico, si sono distinti, oltre che per i lavori, qui presentati,  anche per la brillante performance in cui, attraverso un'adeguata coreografia e la riuscita scelta della "colonna sonora", hanno  rappresentato, al folto pubblico intervenuto, i propri lavori.
 
Per vedere  l' "Alfabeto della Solidarietà", clicca, qui di seguito, sul link  'open publication' oppure sull' immagine copertina.

http://issuu.com/cd_donmilani_villaliterno/docs/alfabeto_telethon_2#embed

 

 

Links alle convocazioni dei Genitori Rappresentanti nei diversi Organi Collegiali della scuola

Visite agli articoli
172868

Scansiona il QR Code

Vai all'inizio della pagina